SOGGETTO E OGGETTO NELLA VISIONE DELL’INTERESSERE

Giornata di consapevolezza Marostica (VI) – domenica 5 febbraio 2017

con i Gruppi di Consapevolezza di Montebelluna, Castelfranco e Marostica

C’è una coppia di opposti che gli scienziati cercano con molta fatica di rimuovere e sono le nozioni di soggetto e oggetto.

Gli neuroscienziati cercano di porre la domanda: come può l’attività oggettiva dei neuroni portare a una coscienza soggettiva? C’è un certo tipo di discriminazione fra mente e materia, discriminazione fra corpo e mente, e possiamo domandarci se il corpo nasca dalla mente o se la mente nasca dal corpo. E su questa base discriminante formuliamo la domanda: come può succedere che l’attività oggettiva dei neuroni porti a una mente soggettiva? E molti scienziati credono che ci sia una coscienza soggettiva dentro di noi che cerca di andare verso l’esterno, verso la realtà oggettiva, lì fuori. E’ come se l’oggettivo possa esistere indipendentemente dal soggettivo. Ma avete visto l’esempio del foglio di carta: la sinistra deve basarsi sulla destra per esistere, la destra deve appoggiarsi alla sinistra per esistere. La sinistra non può esistere da sola, la sinistra deve interessere con la destra e ieri abbiamo parlato del fiore, un fiore non può esistere da solo, un fiore deve interessere con ogni cosa nel cosmo. Così la visione profonda dell’interessere può essere vista non solo in un foglio di carta ma può essere vista anche nel soggetto e nell’oggetto, il corpo e la mente, senza una mente un corpo non può essere un corpo… un corpo vivente. Senza un corpo la mente non può esprimersi, così mente e corpo sono come il lato sinistro e il lato destro di un foglio di carta, non possono esistere per se stessi, devono interessere con l’altro lato. (Thich Nhat Hanh, ritiro italiano 2012 – 2 settembre 2012)

 

 

L’incontro è aperto a praticanti vecchi e nuovi.

Vedremo il discorso di THICH NHAT HANH del 2 settembre 2012, durante il ritiro italiano a Sacrofano – Roma.

Praticheremo la meditazione seduta e camminata, il pasto in consapevolezza, il rilassamento e la condivisione.

Per iscrizioni scrivere a laboratori.consapevolezza@gmail.com

oppure telefonare al 349 6833495.

Le iscrizioni si chiuderanno al raggiungimento di 30 persone.

 

Andamento della giornata:

Dalle 9,00 – Accoglienza e registrazione – movimenti in consapevolezza

09,45 – Presentazione della giornata e meditazione

10,30 – Ascolto del discorso di Thich Nhat Hanh

12,00 – meditazione camminata

13,00 – Pranzo in consapevolezza

14,15 – rilassamento o altra attività di consapevolezza

15,00 – Condivisione sulla pratica

16,00 – Cerchio finale e saluti.

L’incontro terminerà alle 16,30.

 

Dalle 9,00, per chi vuole, offriremo una pratica di movimenti in consapevolezza.

L’incontro è a offerta libera.

Cosa serve – E’ necessario portare un cuscino o panchetto, un tappetino, un plaid ed un paio di calze pesanti.

Ognuno si occuperà di portare il proprio pasto e bevanda al sacco con cibo vegetariano.

Ci troveremo presso l’associazione Insieme Onlus a Marostica.

Come arrivare a:

VALLE SAN FLORIANO, frazione di MAROSTICA (VI).

Parcheggio vicino alla scuola, Via Stroppari 2/A.

Dal centro di Marostica spostarsi a ovest delle mura, verso Bassano, al semaforo prendere Via Gianni Cecchin verso Asiago, Crosara, Valle San Floriano. Dopo circa 700 m, quando la strada principale fa una curva stretta verso sinistra, proseguire diritti in Via Solarola fino alla frazione di Valle San Floriano, dove vedrete un parcheggio sulla destra, di fronte alla scuola e al luogo d’incontro. 

Cammineremo poi assieme 10’ fra le colline, fino al luogo della giornata di consapevolezza.

Per chi ha problemi a camminare organizziamo una navetta (si prega di prenotarsi).

Grati di poter condividere con voi un meraviglioso momento presente

i gruppi di consapevolezza di Montebelluna, Castelfranco e Marostica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.